Malattie delle piante che segnarono la storia

Gli operatori florovivaistici ben conoscono i danni che le fitopatie possono provocare. Nella maggior parte dei casi viene spontaneo pensare ai danni economici, anche gravi, che le malattie delle piante possono provocare, a volte a scapito anche dell’ambiente o addirittura del paesaggio.

Meno conosciute sono invece le conseguenze di alcune malattie delle piante che, nei secoli scorsi o in anni recenti, hanno segnato la storia di intere popolazioni e, in alcuni casi, anche dell’intera umanità. Esse infatti sono state in grado di provocare drammatiche carestie, con conseguenti massicce migrazioni, gravi disfunzioni e malattie umane, ma anche sorgente e motivo di importanti scoperte scientifiche che hanno inciso positivamente sulla storia dell’uomo.

Giuseppe Belli, ex professore ordinario di Patologia Vegetale all’Università degli Studi di Milano, racconta, con un linguaggio chiaro e scorrevole, undici fitopatie che hanno segnato la storia umana, dall’antichità quasi preistorica, con le ruggini del grano, fino ai giorni nostri, con il cancro colorato del platano.

Il Floricultore | Dicembre 2012 

Vedi articolo originale »»»

Vai alla scheda del libro »»»